web development software

PROTESI ACUSTICHE

Di Amedeo Milella postato nel mese di Giugno 2016

Protesi acustiche impiantabili nell'osso

L'impianto di viti in titanio nell'osso umano per la stabilizzazione di impianti odontoiatrici ha oltre 45 anni, nell'ambito delle indagini sulla chirurgia maxillofacciale sviluppata dal Professor Per-Ingvar Brånernark (Göteborg, Svezia). Egli ha indagato la biocompatibilità del titanio a diretto contatto con l'osso vitale ed ha coniato il termine "osteointegrazione". Nel 1977 fu per la prima volta effettuato da Tjellström l’inserimento di una vite in titanio in ambito extraorale per l’impianto di un apparecchio acustico ancorato all’osso (Bone Anchored Hearing Aid - BAHA®). Si è constatato che le vibrazioni meccaniche nell'osso causate da un trasduttore, vengono trasmesse direttamente all’orecchio interno (coclea).

Da quel momento, l'impianto del sistema BAHA® è riconosciuto a livello mondiale come una pratica consolidata per il processo di riabilitazione acustica. Il termine “osteointegrazione" implica una connessione diretta, strutturale e funzionale tra osso vitale e la superficie della protesi in titanio. Solo attraverso l’integrazione tra osso ed impianto in titanio è possibile il carico meccanico della protesi acustica.


Con il termine "Protesi acustiche impiantabili" si definiscono diversi dispositivi in grado di migliorare un deficit acustico i quali possono essere impiantati in modo permanente. A seconda del dispositivo e dell’indicazione medica si effettua l’impianto di unità complete o parti del sistema. Anche con impianti completi è sempre necessario un dispositivo esterno, con il quale la batteria impiantata può essere ricaricata.

Protesi acustiche parzialmente
impiantabili nell'osso

Distinguiamo apparecchi acustici ancorati all’osso (Bone Anchored Hearing Aid - BAHA®) ed impianti attivi parzialmente impiantabili nell'orecchio medio (Vibrant Sondbridge® System e Middel Ear Trasducer (MET®)).

Apparecchi acustici ancorati all’osso (BAHA®)

l dispositivo chiamato BAHA® (Bone Anchored Hearing Aid) è un sistema parzialmente impiantabile. L'impianto consiste in una vite in titanio che attraverso la pelle viene ancorata nelle ossa del cranio. La vite è collegata ad un processore audio esterno con accoppiamento a scatto. Il suono, trasformato in vibrazioni dal processore, viene trasmesso attraverso le ossa del cranio all'orecchio interno. Ci sono attualmente 4 apparecchi BAHA® disponibili in commercio della società Cochlear (Sydney, Australia). Da qualche tempo nuovo sul mercato è disponibile un altro dispositivo (Alpha, Fa Otomag, Rödinghausen, Germania), che sfrutta lo stesso principio. Il suono viene trasmesso per via percutanea attraverso la pelle sana con l'aiuto di magneti impiantati nel cranio.

Impianti attivi parzialmente impiantabili nell'orecchio medio

Nei sistemi acustici impiantabili i segnali amplificati vengono convertiti in vibrazioni meccaniche, le quali vengono trasmesse alla catena degli ossicini o direttamente all'orecchio interno. I sistemi acustici parzialmente impiantabili sono composti da due parti. La parte esterna è composta da un processore audio, che consiste in un microfono, batteria, bobina del trasmettitore, calamita ed il chip dell’apparecchio acustico. I componenti interni sono costituiti da un magnete, una bobina ed un processore (demodulatore), che converte il segnale trasmesso per via transcutanea in un segnale adeguato per il trasduttore elettromagnetico. Rispetto ai tradizionali apparecchi acustici, con i sistemi acustici impiantabili si raggiunge soprattutto una riduzione della distorsione e quindi una migliore qualità del suono e del riconoscimento vocale. Attualmente disponibili sono due sistemi acustici parzialmente impiantabili, Vibrant Soundbridge® (MED-EL, Innsbruck, Austria) e il Middel Ear Transducer (MET®) (Otologies, Boulder, USA).

Nel Vibrant Soundbridge®, il trasduttore elettromagnetico è costituito da un cavo collegato ad un trasduttore di massa fluttuante (Floating Mass Trasducer - FMT), che produce vibrazioni verticali e li trasmette alle rispettive strutture dell'orecchio medio. Il sistema MET® include un elemento trasduttore elettromagnetico che attaccato da una barra di accoppiamento viene ancorato ad una placca di titanio e con un micromanipolatore può essere accoppiato ai rispettivi luoghi di ancoraggio.

Nell'immagine a fianco si mostra il dispositivo che ancorato al braccio lungo dell'incudine trasmette il movimento alla staffa e quindi permette una amplificazione del segnale nell'orecchio interno.

Apparato Uditivo

Come funziona?

L’ onda sonora attraversando il meato acustico esterno colpisce la membrana del timpano. Questa mette in movimento la catena degli ossicini contenuta nell’orecchio medio costituita da Martello, Incudine e Staffa. La vibrazione, attraverso la base della Staffa, viene trasmessa all’orecchio interno. Qui, una complessa struttura anatomica, l’organo di Corti, trasforma l’energia meccanica in impulsi elettrici che, attraverso il nervo acustico e la via acustica, vengono trasmessi alla corteccia cerebrale e qui elaborati.

Impianti attivi completamente impiantabili

Attualmente sono disponibili due sistemi acustici completamente impiantabili: il Carina® (Otologics, Boulder, USA) e la Esteem® (Envoy Medical, St. Paul, Stati Uniti d'America). Il vantaggio di apparecchi acustici completamente impiantabili consiste nell’invisibilità della protesi acustica e nella possibilità di utilizzo in ambiente umido e inquinato. Uno stile di vita più attivo, come la conduzione di sport a rischio, è possibile anche con apparecchi acustici. In aggiunta alle parti interne dei sistemi parzialmente impiantabili, i dispositivi completamente impiantabili hanno bisogno di un processore impiantabile, un alimentatore interno ed il sistema Carina® di un microfono.

Fonte immagini: Internet

Tutti i marchi sono registrati

Bibliografia presso l'autore

ADDRESS
C.da Cardame 87064
Corigliano Calabro (Cs)

CONTACTS
Email: info@mpsjournal.it
Phone: +39 (0)983 034987
Mobile: +39 366 2879466

Grazie per la vs. EMail! Il Team di MPSJournal risponderá presto.